Seguici sulla pagina Facebook Arte Bisiaca

Marina Legovini

Corona – 34172 GRADISCA D’ISONZO (GO)
Cell. 3398326850
Sito web: www.marinalegovini.it www.lacortedellarte-sag.com

Guarda la galleria

Contatta l'artista

Biografia

Nata a Monfalcone(Gorizia)nel 1959,si diploma alla Scuola d’Arte Max Fabiani di Gorizia nel 1978 e fonda la cooperativa di ceramica “La Felce”. Dal 1984 frequenta e lavora presso la Scuola Internazionale di Grafica a Venezia. Nel 1989 apre la bottega d’arte “Creatività” ed entra a far parte del consorzio regionale per la valorizzazione dell’artigianato artistico del Friuli Venezia Giulia nel mondo. 

Partecipa a mostre internazionali a Roma, Parigi,San Paolo del Brasile. Con l’opera “Melusina” selezionata dall’arch. Ugo La Pietra si qualifica al Concorso internazionale “l’Oggetto neoeclettico”Verona “Abitare il tempo”1993. Collabora a Milano con l’architetto La Pietra per il progetto “Miramare”.Dal 2000 si dedica alle mostre a tema  e dal 2011 è presidente dell’Associazione Culturale “La Corte dell’Arte- Spazio Alba Gurtner dove tiene i laboratori artistici di pittura ceramica e incisione calcografica.

Partecipa attivamente a workshop e concorsi d’arte, dove la sua opera viene selezionata e pubblicata al “Premio Ora “ 2011 e 2012 .

 

Recensioni

Marina Legovini ha iniziato a dipingere i paesaggi su tela, dopo una serie di acquerelli en plein air, lungo le sponde dell'Isonzo sloveno e del Bacia proseguendo nel Giardino Viatori e nella Laguna di Grado. Si pensa che l’acquerello altro non è che lo scorrere del colore e dell’acqua sul foglio bianco. Ma vi è, tuttavia, un significato ben più profondo, nel gesto dell’artista che nel riflesso dimostra la capacità di cogliere l’essenza di quell’istante di luce. Come il poeta  interviene con le parole e ne fa poesia gli acquerelli di Marina Legovini sono racconti pittorici intimi che guardano all’essenza del luogo. Tutte le opere, puntano a ghermire e imprigionare i colori, le atmosfere,l’attimo di un istante di luce.  Un risultato che oltre alla perizia dell’artista, sublima il suo rapporto diretto con il paesaggio, in un dialogo fra anima e natura.  Belli e intensi gli acquerelli dedicati al “Giardino Viatori”, intrecci di colori e di sfaccettature, innumerevoli e cangianti delle magnolie riflesse nell’acqua, definite con piccole pennellate poetiche in un'insieme variopinto e idilliaco, intimo e raccolto. E' invece la forza della natura, dei colori del Carso e della Laguna di Grado, che rende unici le finestre su un paesaggio di un territorio nel quale si fondono le tavolozze più ardite, intrise di rossi, verdi gialli e mille sfumature di blu del mare.                  Fonte di ispirazione per uno scenario ricchissimo di colori in continuo mutamento, gli acquerelli sapientemente dosati, catturano lo spettatore invitandolo a scoprire nei dettagli la magia del colore. A tratti l’acqua corre per poi rallentare e, quasi a comando delinea arbusti e barene fra lo stridio degli uccelli in volo. Si fa lenta sulla battigia, dove i bagnanti sostano mollemente adagiati, oppure attenti al calar della marea, nel catturare qualche piccolo abitante del mare fra le conchiglie e le piume portate dal vento.

I paesaggi su tela, sono invece, il proseguo naturale ed emotivo degli acquerelli. L’artista coglie un particolare dei suoi acquerelli per trasporli sulla tela fra colate ramificate di colore e di gesti decisi dalla pennellata informale. Un lento procedere dunque, fra i meandri della vita, come le colate che si insinuano fra le pieghe della tela. La tela preparata con opportune irregolarità, induce il colore a percorsi accidentati e se opportunamente orientata, distribuisce il colore lentamente creando effetti immaginifici.

 

Sulla tela bianca un nitido segno di matita delinea, senza pentimenti, i contorni della figura femminile. L’icona si sostanzia con le prime ombreggiature, acquista rilievo per il depositarsi dello sfondo attorno al profilo del corpo. La figura lievita e la sua trasparenza si esalta in contrasto con la diversa consistenza dei sedimenti irregolarmente addensati attorno ai contorni. Sembrano i detriti di un’onda che, dopo aver investito la figura di donna, si ritirano fissandosi come ombra simbolica per rivelarne le pulsioni più intime sostanziando, per contrasto luministico, il corpo.

Frammenti di volti, accenni naturalistici, segni organizzati in funzione decorativa formano una fitta trama, una sorta di palinsesto che emerge baluginante da sotto lo strato della pennellata colante mentre la donna di Un’altra da me avanza a capo chino. Nella tela raffigurante Un amore tutto mio, la stessa figura femminile viene esaltata dalla luminosità dello sfondo incontaminato e i tratti del volto in penombra si precisano rivelando il dolore lacerante della separazione e la gioia sconfinata che accompagnano la nascita di una nuova vita. Come in un caleidoscopio le immagini della donna offesa ed umiliata che coraggiosamente leva le braccia al cielo proclamando Sono viva, si alternano alla sognante riflessione del Dopo ed al languido momento del Risveglio. Ma nelle chiare tele di Marina Legovini ritroviamo anche trepidanti riflessioni sull’infanzia da proteggere, risolte pittoricamente con un braccio quasi invisibile che sorregge i Bambini per salvaguardarne il diritto alla spensieratezza e alla serenità. Un diritto che si spezza nel racconto della Sposa, dove la lievità del tessuto pittorico è come un velo di pianto posato sul tragico destino di una bimba. Vite infrante di cui si deve sapere per crescere, per salvaguardare il sé dell’anima e del corpo femminile, per dare sostanza alla delicata evanescenza di chi, come Martina, si affaccia alla vita.

Annalia Delneri

 

 

Una volta le chiamavano “mani d’oro”.Con mani così,tenacia e pazienza da artigiano di gran qualità, sete di bellezza, estro e fantasia, com’era prevedibile Marina Legovini ha sfondato il sottile diaframma che separa l’arte applicata dall’arte così detta “pura”,cioè senza fini pratici,lasciando che reciprocamente l’una dia nutrimento all’altra. Dai forni dei laboratori di Calle Corona in Gradisca d’Isonzo ecco dunque uscire a getto continuo smaglianti piatti di ceramica più adatti a decorare una parete che a contenere frutta e biscotti, e grandi vasi dal corpo perfetto che tutt’al più potrebbero reggere una rosa, ma indubbiamente vanno guardati come sculture.

Nati come ricerca di forma assoluta,non richiedono altri fronzoli perché bastano a sé stessi e vogliono essere semplicemente guardati. Tanta tensione di bellezza, di perfezione, ha siglato anche le tele dipinte da Marina, facendo coincidere il suo fare arte con i modi di molte artiste, ieri trascurate e oggi continuo oggetto di studio, cioè un procedere che conquista la superficie del quadro millimetro dopo millimetro, con metodo, nitore, senza pentimenti, seguendo più che il gusto della sperimentazione un intimo progetto di conoscenza delle cose , indagate con la curiosità assorta di un bambino che penetra in ogni dettaglio e lo memorizza come evento magico.

Non sorprende dunque il suggestivo richiamo a Giorgia O’Keefe e della sua opera su Marina che ha riconosciuto fin da quando si è incamminata nel mondo dell’arte un profondo legame con questa artista.  La conobbe vent’anni fa attraverso una monografia, se ne innamorò, più tardi andò negli Stati Uniti per conoscere la sua opera da vicino. Personalmente ritengo importante per un’artista eleggersi un maestro per affinità profonde e non per frequentazione, meglio riconoscerlo nel passato per l’aurea mitica che il tempo addensa attorno a queste figure,per qui  echi e rimandi raggiungono modulazioni complesse ed inattese.

Ed è allora possibile creare mondi curiosi in cui uno spirito del passato si rivesti in uno del presente dando l’avvio all’ibridazione e la metamorfosi delle forme.  Ecco dunque i gigli, le calle, le rose, i fiori di magnolia di Marina sembrano generati dalle terse atmosfere dalle quali emergono,sostanziate dalla medesima materia , e talvolta assumono connotati zoomorfi senza denunciare traumi oscuri, ma piuttosto con la naturalezza e l’allegria di chi vive serenamente il proprio segno alla luce degli affetti. Il senso dell’armonia, di agio psicologico che emana dai quadri di fiori di Marina ci parla di come sia stato accolto il messaggio di Georgia O’Keefe attraverso l’etere,di come sia stato rielaborato da una benevola vocazione alla vita’ di come ne sia stata espulsa l’angoscia’ di come una sessualità vissuta con difficoltà da una donna d’altri tempi si possa riposare nel grembo della natura filtrando attraverso un’esperienza positiva pienamente vissuta nel presente.

 

                                                                                                                                                                Dora Bassi

Mostre

Curriculum e Biografia di Marina Legovini:

 

1978

  • Diploma di maestra d’arte applicata                                               
  • Seconda classificata al premio Viareggio sezione grafica.
  • Fonda  con l’ausilio dell’associazione diversamente abili della provincia di Gorizia la cooperativa di ceramica a sfondo sociale “La Felce”unica nel suo intento a livello nazionale.

 

1984

  • Riprende gli studi a Venezia, presso la “Scuola Internazionale di Grafica”.
  • Frequenta i corsi di incisione calcografica,litografia ,serigrafia.e tecniche sperimentali con il maestro Licata.
  • Illustra con due acqueforti “Le arti che van per via” e “Maschere Veneziane”.
  • Partecipa a mostre e collettive a Parigi e Roma qualificandosi al Museo di San Paolo del Brasile con la vendita dell’acquaforte “Venezia Riflessa”.
  • Studia e lavora presso la scuola come assistente degli insegnanti.

 

 

1985

  • Illustra con dieci acqueforti il volume “La contea di Gorizia illustrata dai suoi figli” per il conte Leonardo Formentini.
  • Personale di grafica alla galleria “ll segno Grafico di Venezia”.

 

1986

  • Frequenta uno stage presso l’Accademia Raffaello di Urbino per il libro antico e perfeziona la tecnica del bulino.
  • Illustra il volume “Quajaruladis”fra storia e fantasia dello scrittore gradiscano Bruno Patuna già direttore della galleria regionale Spazzapan.Il volume nella sua veste particolare è interamente scritto e stampato su carta fatta a mano;pregevolmente rilegato e contenuto in un cofanetto .

 

1989

  • Inaugura la propria bottega d’arte “creatività”.Negli anni a seguire rappresenta la regione Friuli Venezia Giulia per il settore dell’artigianato artistico della ceramica e l’incisione calcografica.                 
  • E’ socia del consorzio regionale “La Torre”

 

1990

  • “Longobarte” a Villa Manin e al Museo di Cividale del Friuli.

 

1991

  • “Piazza Italia” a New York a cura di Titti Carta.

 

1992

  • “Mani Operose e Mani Ispirate”presso la chiesa di Sant’Antonio a Udine in occasione della visita del Santo padre Giovanni Paolo II.

 

1993

  • “Abitare il tempo” Verona fiere”.Concorso internazionale “L’Oggetto neoeclettico”. Presenta “Melusina”.La tavola illustrata viene selezionata dall’architetto Ugo La Pietra Pubblicata ed esposta nella sezione sperimentale “Art of Living” in collaborazione con lo Studio di design Fitch di Londra.
  • Interpreta e realizza sei piatti segna posto con smalti e oro zecchino Collezione presentata ad “Abitare il Tempo”.

 

1994

  • “Abitare il tempo” stand personale.
  • Partecipa  con l’opera “Foglia di Vita” alla mostra “Il Giardino Domestico” nel settore della fiera  progetti e territori” Friuli Venezia Giulia a cura dell’architetto Ugo La Pietra.                                                           
  • Realizza su design di Marika Carniti Bollea la lampada “Diadema”presentata nella sezione “I laboratori Metalprogettuali”.

 

1995

  • Su disegno dell’architetto Ugo La Pietra realizza la collezione “Miramare”presentata a Ferrara nell’ambito della Fiera Arte e restauro sezione “Book Shop”per i musei.
  • Nasce Martina

 

2000

  • Mostra personale presso lo “Spazio Culturale della Torre” Banca Cariplo a Gorizia.
  • Mostra collettiva a Pirano con il patrocinio del comune di Fogliano nell’ambito della comunità italiana in slovenia  per la rassegna “ Visioni Sonore” Casa Tartini.

 

2001

  • Organizza la  Mostra “Croce e Delizia” collettiva di ceramica delle sue allieve presso lo “Spazio Culturale Della Torre” Banca Cariplo di Gorizia.

 

2002

  • Partecipa al concorso Internazionale di ceramica  “Un oggetto antropomorfo” organizzato dal Comune di Nove di Bassano presso il Museo Civico della Ceramica Presenta l’opera “Rondine di Mare” che viene selezionata per il contenuto innovativo di ricerca formale unito alla riproducibilità a livello industriale.

 

2003

  • Mostra personale alla Biblioteca Statale Isontina di Gorizia.

 

2004

  • Insegna l’arte della ceramica all’Istituto Statale d’Arte Max Fabiani di Gorizia.
  • Collabora in qualità di decoratore d’interni e responsabile di zona per l’arredo per la ditta Visma 3 di Treviso.

 

2005

  • Collabora con l’interior design Bortolo Augusto Menon in qualità di interior decorator per locali pubblici e case private.

 

2010

  • Progetta per la Ditta Patina Italia una linea di servizi da tavola e complementi di arredo destinati al mercato internazionale.
  • Personale :“DONNE CHE DANNO” Auditorium San Rocco centro storico Grado.
  • Personale :“CHIARO SCURO” ,galleria d’Arte “La Fortezza”  Gradisca d’Isonzo Gorizia presentata dall’artista Luciano de Gironcoli
  • Collettiva "Rosa" Palazzo Vanelli Terzo d'Aquileia Gorizia
  • Personale :da "Terra e Vini" tenuta Livio Felluga per la giornata internazionale della donna internazionale.
  • Personale : "DONNE CHE DANNO" Chiesa di San Rocco a Grado Gorizia con intervento personale alla visita della mostra
  • Biennale d'Arte Giuliana Gorizia "Sala Dora Bassi" Auditorium della Cultura Friulana.
  • Presentazione del volumetto 1780-1918  Canti militari degli italiani d'Austria del litorale" dello scrittore Todero e a cura dell’associazione culturale “Costumi tradizionali Bisiachi
  • Personale :nell'ambito della rassegna "BIANCO D'AUTORE" organizzato dall'azienda Zuani con il patrocinio della Provincia di Gorizia. Presentata dal critico Cristina Feresin.
  • Rassegna d'Arte Presepiale Villa Manin di Passariano Udine 8 racconti pittorici sul tema della "Pupa Bisiaca".
  • Collettiva "Dalle mani delle Donne" a cura del SOSMI di Cividale del Friuli Udine.
  • Personale: "IL VOLTO è TRATTO" Katy House Gallery" Monfalcone presentata dalla critica Carolina Lio
  • Collettiva " Invito al Collezzionismo" Galleria d'arte "La Fortezza" di Gradisca d'Isonzo Gorizia.

2011

  • Personale :"Una storia d'amore tutta per me" opere pittoriche presentate alla rassegna "VOCI DI DONNA" organizzata dalla Provincia di Gorizia in occasione del8 marzo presentata dalla curatrice per i musei provinciali Annalia Delneri
  • Intervento sull'arte nell'ambito degli appuntamenti per l'8 marzo organizzati dal comune di Turriaco in collaborazione con l'Associazione "la Que Sabe".
  • Personale: "VOLTO A RENDERE" alla Loggia della Gran Guardia nell’ambito della rassegna “Arte in Fortezza” Palmanova presentata dalla docente Anna Bonato,
  • Collettiva presso la provincia di Gorizia nell’ambito della giornata della Croce Rossa, a cura di Luigina Soranzio e Antonia Blasina Miseri.
  • Personale: “L’ARCANO SOTTILE” Museo della Civiltà Contadina di Farra d’Isonzo . Curatore Adriano Gon critica Eliana Mogorovich.
  • Biennale giuliana palazzo Veruda Trieste 
  • Inaugurazione “La Diga” L’Isola di Trieste con le sculture di Marcello Mascherini e i dipinti di Marina Legovini Sala della Torre, curatrice Eva Comuzzi
  • Collettiva di pittura e ceramica “Con-Tatto” a cura dell’associazione “Crali” Sala Dora Bassi Gorizia presentazione di Emanuela Uccello.
  • Villa Toppo Wassermann di Travesio (PN) collettiva d’arte e poesia a cura del critico Enzo Santese
  • Galleria “Nuova ArteSegno” di Udine collettiva d’arte e poesia a cura del critico Enzo Santese
  • Sala Baroncini delle Assicurazioni Generali arte e poesia a cura del critico Enzo Santese
  • Istituto italiano di Cultura a Lubiana collettiva d’arte e poesia a cura del critico Enzo Santese
  • Selezionata al premio internazionale O.R.A. a cura della critica d’arte Carolina Lio e 20 fra le maggiori gallerie italiane d’arte contemporanea .
  • Cura presso la “Corte dell’Arte”di via Carducci a Gorizia una serie di laboratori, aperti a tutti, per l’apprendimento delle tecniche sulla modellazione con l’argilla, dell’incisione calcografica, del disegno e della pittura.

 

2012

  • “Arte e paradigma” Casa dei Carraresi, Treviso

2016

  • Collettiva "Canto notturno del Viandante" , Museo civico del territorio, Palazzo Locatelli Cormons
  • "Tra cielo e terra", Esposizione di acquerelli, presentazione e dimostrazione pittorica, Hotel Astoria di Grado(GO)
  • Personale alla Galleria Leg Antiqua di Gorizia nel novembre 2016.

2017

  • Personale alla Galleria Leg Antiqua di Gorizia nell' aprile 2017.
  • Premio con Opera su Carta all'extempore di Pirano



Contatta l'artista

Email:

Nome:

Oggetto:

Messaggio: